Cagnolati, pericolo covid incombente

Cagnolati, pericolo covid incombente

Marco Cagnolati

Milanoeoltre.org – MILANO. Mentre in Italia si dibatte sullo spiacevole atteggiamento tenuto da alcune regioni nei confronti degli ‘untori lombardi’, a Milano accade di tutto.
Il  ha nuovamente denunciato alla Giunta Comunale di Milano e alle massime autorità di polizia il problema molto serio della movida incontrollata di giovani milanesi.
Il problema non consiste nel fatto che i ragazzi rivivano la città, ma che lo facciano nel rispetto delle regole di sicurezza sanitaria imposte dalla gravità del momento.
Parte dei frequentatori delle movida non si preoccupano tanto del distanziamento sociale o del problema di evitare assembramenti.
Ma ciò che è assai più grave è infatti che il Comune di Milano e le forze dell’ordine non dispongano adeguati controlli, o multe se occorresse.
Va da se che davanti alla indifferenza delle autorità di polizia i cittadini meno attenti se ne infischino delle regole sanitarie necessarie per tutelare tutta la comunità.
A denunciare ancora una volta questa grave situazione, che si registra nelle serate festive in alcune precise zone di Milano, è il consigliere Marco Cagnolati che, ancora una volta, ha presentato nero su bianco una lettera-denuncia alle autorità politiche e di pubblica sicurezza.
“In merito all’emergenza Coronavirus e al divieto di assembramento, ecco nuovamente riproporsi, come purtroppo era prevedibile ed accaduto la notte del 22 Maggio 2020, quello che è accaduto nelle scorse serate a Milano.
Un fenomeno – scrive Cagnolati – che  purtroppo, probabilmente, sarà destinato a ripetersi.
“Nonostante i divieti di assembramento, le richieste, gli appelli inviati, purtroppo alcune persone, incoscienti e totalmente incuranti di norme e divieti, continuano a mettere a rischio tutti gli altri tramite comportamenti pericolosi e che non possono e non devono più essere più tollerati, soprattutto in questo periodo.
In Via Lecco e in Via Teodosio (nei pressi del locale situato al civico 60) la situazione della notte fra il 05 ed il 06 Giugno 2020 era quella documentata nelle foto (qui pubblicate)” aggiunge il Consigliere del Municipio 3 Cagnolati.
Il quale racconta inoltre che “Nonostante le chiamate di residenti alle forze di Pubblica Sicurezza si sono verificati assembramenti, moltissime persone senza mascherina o con mascherina abbassata incuranti del rispetto della distanza di sicurezza, insomma nessuna delle prescrizioni anti-coronavirus sembrava essere rispettata.
Questo non farà altro che mettere nuovamente a rischio la salute di tutti e potrebbe farci ripiombare a breve in un nuovo lock-down dagli effetti devastanti”.
Cagnolati e le persone di buon senso, la maggio parte per fortuna, si chiedono “Ma è possibile che la gravità di questo fenomeno non venga compreso?”.
Una domanda retorica che ci auguriamo rimanga tale e che presto non ci riporti alla tragedia di sole poche settimane addietro, ma questa volta non si potrà giocare allo scaricabarile in quanto i responsabili di quanto potrebbe accadere sono sotto gli occhi di tutti!

TAGS

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus (0 )
Serve aiuto?
Inviaci una segnalazione o un suggerimento, grazie.