Cagnolati, restituite Milano ai milanesi

Cagnolati, restituite Milano ai milanesi

Il consigliere del Municipio 3 di Milano Marco Cagnolati


Milanoeoltre.org – MILANO.
La città di Milano guidata dal Sindaco Sala, dalla giunta di sinistra giallorossa con il sostegno dell’ex assessore Majorino, ora parlamentare europeo, del Pd mai come in questi anni adesso sta toccando livelli di degrado sociale davvero preoccupanti.
Violenze fisiche sulle donne, sui passanti, ubriachi che di notte si appropriano di interi quartieri, spaccio di droga alla luce del sole, gang che regolano i conti a coltellate dove gli capita, vandalismi a qualunque ora del giorno e della notte.
A denunciarlo ancora una volta è il consigliere del Municipio 3 di Milano Marco Cagnolati.
Lui si batte per l’immensa area del quartiere in cui sorge il Municipio 3 e dove i cittadini esasperati non ne possono più.

UN VERO RAPIDO DEGRADO
CAMBIA IL RITMO DI VITA
Le denunce di Marco Cagnolati non sono polemiche o strumentali, ma sempre puntuali e finalizzate a documentare la situazione di degrado in cui è piombato il suo quartiere. La gravità di quanto dice Cagnolati oltre ad essere intrinseca in quanto afferma consiste nel fatto che la sua denuncia pubblica può essere fotocopiata per quasi tutti gli altri quartieri di Milano.
Le forze dell’ordine intervengono in presenza di reati ben precisi.
Ma che reati vuoi che siano dormire per strada, riunirsi la notte nei giardini pubblici per ubriacarsi, urlare e cantare sino alle 4 del mattino, defecare e urinare ovunque, di giorno e di notte, oppure spacciare una dose ad ‘uso personale’ piuttosto che parcheggiare e bivaccare attrezzati persino con roulotte?
Reati che prevedono una sanzione amministrativa che viene comminata raramente, in quanto parliamo di persone pericolosamente avvicinabili e che, comunque, sono sprovviste di documenti o che non hanno una fissa dimora.
Sono i nuovi padroni di Milano.

SI VIVE NELLA PAURA
E TRA LE SCHIFEZZE

Ma al degrado sociale fa paio il degrado urbano: i residenti non sono più liberi di poter vivere gli spazi urbani.
Chiusi dentro le mura domestiche hanno quasi paura di uscire in strada.
Il consigliere di Forza Italia del Municipio3 solleva il Problema dei Giardini del quartiere Feltre, dello stato di abbandono igienico-sanitario di Viale Rimembranze a Lambrate così come accade in prossimità del ponte di P.zza Sire Raul.
Vie, giardini e intere zone trasformati in loschi luoghi di raduno o in cessi a cielo aperto.
Il Comune di Milano, malgestito dalla giunta di sinistra, sembra solo interessato  e molto attento alle grandi campagne pubblicitarie per raccontare quella Milano che non c’è più, ma che è rimasta nell’immaginario collettivo e di cui solo i milanesi, a proprie spese, stanno vedendo morire giorno dopo giorno.

MARCO CAGNOLATI
PROPONE SOLUZIONI

“Situazioni di grave disagio per i residenti che  più e più volte sono state denunciate (bivacchi, sporcizia e abbandono di rifiuti, presenza di roulotte appartenenti a rom in quartiere….) ma nulla sembrerebbe essere cambiato” scrive in atti ufficiali il consigliere del Municipio 3 di Milano Marco Cagnolati.
Il politico impegnato in prima linea nella difesa del proprio quartiere propone al Comune soluzioni semplici e di facile attuazione se davvero l’amministrazione civica ponesse un minimo di attenzione ai reali bisogni della popolazione.
Cagnolati infatti denuncia e propone a Sindaco e Giunta Comunale:
– di prevedere l’installazione di nuove telecamere all’interno delle area di cui in oggetto, ed in particolare all’interno del quartiere Feltre, nei punti che sono stati gia oggetto di segnalazioni/denunce in modo tale da preservare le nuove strutture che verranno installate nonché il riposo dei residenti e la quiete del quartiere soprattutto in orario notturno;
– di prevedere l’installazione di apposita segnaletica (cartelli) indicanti la presenza delle telecamere all’interno delle aree in questione, al fine di informare la cittadinanza e scoraggiare potenziali malintenzionati;
– di potenziare e aumentare il numero di pattugliamenti da parte della Polizia Locale, soprattutto in orario notturno, delle strade e dei giardini interni alle aree oggetto di quanto sopra esposto;
– di prevedere un sistema di chiusura delle aree gioco presenti tale per cui le stesse non siano accessibili in orario notturno al fine di preservarle da possibili atti vandalici ed utilizzi non consentiti;
– di intervenire mediante riasfaltatura dei vialetti e dei marciapiedi più ammalorati e pericolosi all’interno dei vari quartieri;
– di relazionare in merito agli interventi che verranno effettuati in merito a quanto sopra richiesto. Richieste quelle di Marco Cagnolati dettate dal buon senso e dal reale ascolto dei cittadini residenti dei giardini, delle vie e dei quartieri di cui si sono impossessati loschi personaggi disperati che generano esasperano sociale. Il Comune per il momento è stato impegnato a lanciare una nuova campagna pubblicitaria per raccontare quanto sia bella quella Milano che meriterebbe lo splendore che ha sempre avuto e che adesso l’amministrazione di sinistra è riuscita ad offuscare.

 

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus (0 )
Serve aiuto?
Inviaci una segnalazione o un suggerimento, grazie.