Il Comune ascolti gli ambulanti

Il Comune ascolti gli ambulanti

 Milanoeoltre.org – MILANO. Al via i mercati in 26 vie della città, alcuni vengono svolti anche due volte alla settimana.
Spiccano le assenze di quartieri popolari della città come il Gratosoglio e il Giambellino, non se ne capisce il motivo considerato che il mercato è da sempre un luogo di socialità.
“Del resto è incomprensibile la scelta dell’amministrazione comunale di affidare la sicurezza alle associazioni di categoria che si devono rivolgere a società private con ulteriore esborso di quattrini di cui gli ambulanti farebbero volentieri a meno visto che pagano già posteggio e COSAP” spiega in un comunicato stampa il Consigliere Comunale di Forza Italia Alessandro De Chirico che fa rilevare le anomalie organizzative del Comune di Milano e i disagi che ne derivano sugli operatori e i cittadini.
“Perché il Comune non si è affidato a Polizia Locale, già presente sul luogo di mercato, e alla Protezione Civile?  15€, chiesti a singolo commerciante come contributo giornaliero per il COVID manager, sembra una cifra contenuta ma se moltiplicato per 6 giorni settimanali si arriva a una cifra importante che sommata al costo dei posteggi arriva ad essere quanto l’affitto di un negozio.
Del resto non capiamo nemmeno la scelta di escludere le categorie di ambulanti che vendono generi non alimentari e degli spuntisti, di cui tutti sembrano essersene dimenticati.
“Ho avanzato una proposta per sperimentare mercati in luoghi più aperti e meno chiusi tra le case – piazzale dello Sport, piazza Gino Valle, viale dei Pioppi, piazza Sempione, etc -. Oggi chiederò la convocazione di una commissione ad hoc che ascolti anche le richieste di tutti quegli ambulanti che non riconoscono i rappresentanti delle associazioni di categoria e per questo esclusi dal dibattito”.

TAGS

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus (0 )
Serve aiuto?
Inviaci una segnalazione o un suggerimento, grazie.